Presentazione

Un viaggio  per chi ha voglia di esplorare zone poco turistiche ed incontaminate, con una biodiversità incredibile, nel Malawi del sud per fare un bagno tra natura e popoli, con possibilità fotografiche particolari ed inusuali. Una destinazione unica, il Majete wildlife reserve, nella Shire Valley, storia di successo e di ripopolamento: presenti tutti i big five, leoni, leopardi, rinoceronti neri, elefanti e bufali, oltre all’antilope nera, zebre, Lichestein’s heartebeest e eland. Entreremo nel cuore del parco in jeep anche nelle ore notturne per i safari alla ricerca di predatori. Seguendo la Shire Valley, ancora nuovi panorami e foreste nel Liwonde national park, forse il parco più famoso del Malawi, di cui non si può restare delusi per il safari in barca: lo definiamo veramente imperdibile. Elefanti che nuotano a pochi metri dalla barca, ippopotami che grufolano, coccodrilli, impala che si abbeverano e famiglie di scimmie che si impegnano nella toeletta quotidiana: l’avifauna è davvero strepitosa, presente anche il rinoceronte nero all’interno del Santuario, luogo in cui è protetto.

Ai piedi del Monte Mulanje national forest reserve, sito il lista per il titolo di Patrimonio dell’Umanità, montagna più alta dell’Africa meridionale, che vanta una foresta di 650km2 e numerose specie di animali e piante uniche al mondo, montagna che i malawiani considerano magica per la ricchezza di leggende e di racconti che popolano l’immaginario collettivo. Sotto il monte Mulanje vedremo le dolci colline coperte dal manto immacolato e verde del tè: camminando tra gli spazi immensi delle piantagioni potremo incontrare i lavoranti del tè all’interno delle numerose piantagioni o per un hiking sulla montagna. Ci immergeremo nel ricco patrimonio culturale del Malawi e nel museo di Chamare a Mua, la più antica e originaria missione operativa in Malawi, dove vedremo la collezione più grande al mondo di maschere del Gule Wamkulu, cerimonia segreta dell’etnia Chewa: Patrimonio dell’Umanità. Ed ancora, sulle rive del terzo lago più grande dell’Africa, nella regione di Monkey bay, a ridosso del Lake Malawi national park, paragonato per bio-diversità alle Galapagos, una delle riserve d’acqua più grandi al mondo, dalle acque limpide e dalle spiagge bianche che non ha nulla da invidiare alle nostre coste italiane; si calcola che i pesci endemici che ne popolano le acque, i ciclidi, siano intorno alle 1000 specie. Un circuito lontano dal turismo, tra le bellezze struggenti dei suoi paesaggi, il popolo del Malawi è ospitale ed incredibilmente amichevole.  I chilometri di spiagge incontaminate di sabbia dorata, che non hanno nulla da invidiare alle coste italiane, faranno da sfondo all’incontro con i pescatori e i villaggi del lago.

DURATA: 11 giorni. Possibilità di estensioni sulle coste del lago Malawi o a Mulanje, ai piedi della montagna magica.

IL VIAGGIO: Malawi, magnifico sud

Nell’estremo e magnifico sud del Malawi sboccia un parco che ha una storia incredibile: Majete wildlife reserve vanta tutti i famosi big five: bufali, leoni, leopardi, elefanti e rinoceronti. Proclamata nel 1955, si trova nella Lower Shire Valley, al fondo della Rift Valley. 700 km2 di natura, tra foreste di miombo, la famosa savana e vegetazione di fiume.

Il Majete è una riserva incredibilmente bella, ma anche una di quelle storie di successo che vorremmo più spesso ascoltare e raccontare. Grazie ad un accordo tra pubblico e privato, il Governo del Malawi e la African Parks, il coinvolgimento delle comunità locali senza cui questo non sarebbe potuto essere possibile, sono stati reintrodotti decine di specie in imponenti quantità. Parliamo di 2550 animali tra cui: elefanti Loxodonta africana, rinoceronti neri Diceros bicornis, bufali Syncerus caffer, eland Tragelaphus oryx, antilopi nere Hippotragus niger, cobi dall’ellisse Kobus ellipsiprymnus, nyala Tragelaphus angasii, hartebeest Alcelaphus bucelaphus, impala Aepyceros melampus, zebre Equus quagga e facoceri Phacochoerus africanus. Presenti mammiferi come  il kudu, reedbuck, silvicapre, suni e potamoceri. Tra i grandi presenti carnivori, iene, leopardi, leoni, spesso avvistati accanto al lodge di Thawale. Non solo natura. Majete è un esempio anche per la consapevolezza ed il rispetto che si sono creati tra le comunità che vivono attorno a Majete per un turismo sostenibile.  In meno di 10 anni, i lavoratori sono passati da 12 a 150, tutti permanenti, sono nati progetti di micro impresa, insegnamento, educazione. Senza dubbio il parco è ormai famoso qui in Malawi come esempio di successo.

Organizzeremo i safari diurni e notturni una delle esperienze più suggestive ed affascinanti che si possano fare al Majete, una delle poche zone in Africa dove è permessa questa attività.

Nel Liwonde national park, che non ha bisogno di introduzioni: è certamente il parco più famoso del Malawi e al suo interno, lungo il fiume Shire, abbondano numerosi elefanti e antilopi come la Lichtenstein’s hartebeest Alcelaphus lichtensteini e l’antilope nera Hippotragus niger, bufali, zebre, iene, facoceri, babbuini, ippopotami e coccodrilli; centinaia di specie di uccelli popolano il parco che è un vero paradiso ornitologico. La vegetazione è molto varia, si va dai boschi di mopane, alle palme, al grassland, alle acacie, mentre sulle colline dominano i boschi di miombo. Per questo il Liwonde è l’unico luogo in Malawi dove l’inseparabile di Lilian Agapornis lilianaeis nidifica. Il parco è anch’esso una IBA (Important Bird Area) internazionale con significative popolazioni di specie rare o minacciate.

Leggende e racconti popolano l’immaginario che descrive la magia del Mount Mulanje National reserve, ai confini con il Mozambico. Alta 3002 metri, massiccio più alto dell’Africa meridionale, Mulanje in lingua chewa significa letteralmente “l’isola nel cielo”. Con i suoi 650 km2 è stata proposta come sito Patrimonio dell’Umanità: conserva una biodiversità incredibile. Blue monkeys, vervet monkeys, porcospini,  farfalle, camaleonti e genette sono relativamente semplici da avvistare, insieme al famoso e protetto cedro di Mulanje, Widdringtonia whytei, tra cascate e sentieri che si susseguono senza fine. La vista di cui si gode ai piedi del monte è semplicemente spettacolare.

Le prime piantagioni di tè in Africa vennero introdotte alla fine dell’Ottocento proprio in Malawi: i panorami si aprono in modo spettacolare in enormi e dolci colline coperte dal manto immacolato e verde del tè. Camminando tra gli spazi immensi delle piantagioni potremo incontrare i lavoranti del tè, che con pazienza raccolgono le giovani foglie in cima alle piante, foglia dopo foglia, fino a riempire gli enormi cesti che portano sulle spalle. Mua, la più antica e originaria missione operativa in Malawi nacque con l’appoggio della tribù Ngoni nel 1903, per volere di due Padri Bianchi francesi che diedero vita ad un centro di cultura e arte KuNgoni ed al Museo di Chamare che preserva il ricco patrimonio culturale del Malawi; qui potremo ammirare la collezione di maschere del Gule Wamkulu, cerimonia segreta dell’etnia Chewa, più grande al mondo. Ci sposteremo sulle rive del terzo lago più grande dell’Africa, nel Lake Malawi National Park, anche questo Patrimonio dell’Umanità, una delle riserve d’acqua più grandi al mondo, dalle acque limpide e dalle spiagge dorate che non ha nulla da invidiare alle nostre coste italiane; si calcola che i pesci endemici che ne popolano le acque, i ciclidi, siano intorno alle 1000 specie. I villaggi di pescatori e la quiete della vita malawiana, con i suoi ritmi scanditi dal lago. Qui sicuramente incontreremo i pescatori del lago che con le loro canoe si dedicano alla pesca seguendo tradizioni centenarie. L’essicazione del pesce è un rito e una procedura in cui vengono coinvolte le donne e i vecchi del villaggio, mentre i bambini e i ragazzi aiutano i pescatori nella riparazione delle reti. Il Malawi è davvero un Paese accogliente e caloroso: la sua gente ha un cuore caldo ed ospitale che in nessun altro Paese dell’Africa abbiamo mai sentito. Lontano dal turismo, lontano dai circuiti più (e a volte anche da quelli meno!) battuti, nonostante le bellezze struggenti dei suoi paesaggi, il suo popolo ospitale ed incredibilmente amichevole, i chilometri di spiagge incontaminate di sabbia dorata, il Malawi resta un Paese non ancora scoperto dal turismo e questo lo rende ancora più affascinante.

Il mezzo di trasporto

Tutte le distanze saranno coperte con uno o più mezzi Toyota o Land Rover o similari fuoristrada, 4×4. A disposizione inoltre, nel caso di notti in campeggio: materassini, frigorifero, viveri, cucina da campo, corrente 12/220 V. per ricaricare le batterie, ricetrasmittenti VHF, gps, notebook per scaricare fotografie digitali e filmati, telefono satellitare (al costo di 5 euro/min), kit pronto soccorso e una buona libreria di viaggio, con le nostre guide per viaggiare.

Le sistemazioni

Tre notti in lodge nella Majete wildlife reserve, immersi nella natura selvaggia del parco. A Mulanje sistemazione solo a noi riservata in antica casa coloniale, base di AfricaWildTruck all’interno di in un giardino storico, dentro delle piantagioni del tè; notte in rifugio sul Monte Mulanje. Le successive notti sono in un piacevole lodge sul lago Malawi a ridosso del Lake Malawi national park. Nel Liwonde national park pernottamento nell’incredibile Mvuu camp, lodge affacciato sul fiume dove gli elefanti arrivano ad abbeverarsi. A Mua, notte in bungalow ben attrezzati, struttura appartenente ai missionari padri Bianchi. Non ci sono notti in tenda, ma a richiesta possiamo organizzarle per voi.

Le sistemazioni in lodge/chalet/albergo, sono intese, dove non altrimenti richiesto, in camere doppie o, in rari casi, triple o quadruple; potrebbero essere sostituite per problemi tecnici-organizzativi senza però stravolgere il progetto iniziale.

Le strutture sono state scelte con cura seguendo un’idea di conservazione del territorio e sostenibilità del viaggio, preferendo posizioni a stretto contatto con la natura. Per l’elenco dei lodge/campeggi scriveteci!

Il periodo

Le temperature dipendono largamente dalla stagione, dalle altitudini e dalle latitudini. Qui a fianco una tabella indicativa delle temperature medie nelle varie stagioni. Il mese più caldo è novembre, il mese più fresco è giugno/ luglio. La stagione secca, va da Aprile/Maggio a Novembre. La stagione umida va da Dicembre a Marzo/Aprile, in questo periodo si possono vedere i parchi nel loro splendore verde; alcuni cuccioli di mammiferi nascono in questo periodo così come molti uccelli attraversano la stagione degli amori, cambiando il piumaggio e corteggiando le femmine. Noi consigliamo entrambe le stagioni, entrambe infatti hanno un fascino particolare. Contattaci per avere informazioni maggiori sulla stagione in corso, non tutti gli anni  sono uguali!

Da sapere

GUIDA AI SAFARI

I numerosi game drive, definizione inglese che descrive l’escursione in 4×4 finalizzata all’avvistamento degli animali, si svolgeranno di giorno e di notte con delle jeep. Non è richiesta alcuna preparazione se non la voglia di alzarsi all’alba e la pazienza necessaria alla ricerca degli animali. Da notare che i safari verranno svolti durante le ore più fresche della giornata (alba e tramonto), quando gli animali, cioè, sono più facili da avvistare. Essendo autonomi, comunque, potremo decidere di fermarci su una scena il più a lungo possibile, seguendo sempre le regole del parco. I safari verranno svolti su jeep aperte attrezzate per il safari.
Il safari in barca sul fiume Shire nel Liwonde national park è un’eccitante esperienza nel cuore dell’Africa. Qui il safari in barca è davvero da non perdere. Oltre a noi, ci sarà una ulteriore guida professionista che ci accompagnerà per la durata del safari per vivere al meglio lo stretto contatto con la natura. L’esperienza è molto interessante soprattutto per il punto di vista ravvicinato di cui si può godere in barca; osservare gli animali durante le loro azioni quotidiane sulle rive del fiume è davvero un privilegio per gli appassionati di fotografia!

Fotografia durante i safari: sarà sempre permesso portare con sé la propria attrezzatura fotografica. Le guide innanzi tutto cercheranno in primo luogo di posizionare il veicolo nelle condizioni migliori, laddove la sicurezza lo permetta. All’interno del parco le jeep NON comunicano via radio tra loro, questo per evitare di accalcarsi su un animale e salvaguardarne quindi la tranquillità.

Occorre quindi essere nel posto giusto al momento giusto per vedere ciò che si desidera; noi preferiamo che un santuario della natura come il Majete wildlife reserve e il Liwonde national park conservino questo spirito d’avventura che tanto lo contraddistingue.

Da sapere: nei parchi o all’interno dei campeggi, verrà fatto firmare uno scarico di responsabilità obbligatorio per accedervi data la particolarità dei luoghi.

Le strade

Percorreremo circa 1900 km di cui almeno 200 di strada sterrata per addentrarci nei parchi o durante il viaggio; i rimanenti km di strada asfaltata.

Estensioni
  • Spiagge del lago Malawi, avventura o relax
  • Sull’ Oceano Indiano meraviglioso mare
  • Nascosta foresta di Ntchisi
  • Mulanje forest, alla base di AfricaWildTruck
Nessuna recensione

Hai già partecipato alla spedizione? Dicci cosa ne pensi

1° GIORNO BLANTYRE CHILEKA AIRPORT - MAJETE WILDLIFE RESERVE, Malawi
21 APRILE 2016. 
Arrivo a Blantyre il 21 aprile 2016 intorno alle 14:00 con Ethiopian Airline. Il Paese è accogliente e caloroso: la sua gente ha un cuore caldo ed ospitale che in nessun altro Paese dell’Africa abbiamo mai sentito. Lontano dal turismo, nonostante le bellezze struggenti dei suoi paesaggi, il suo popolo ospitale ed incredibilmente amichevole, i chilometri di spiagge incontaminate di sabbia dorata, il Malawi resta un Paese non ancora scoperto dal turismo e questo lo rende ancora più affascinante. Dopo esserci incontrati in aeroporto, ci sposteremo immediatamente nel Majete wildlife reserve, per entrare nel vivo del parco e dei safari. Pernottamento in lodge, immerso nel parco affacciato su una pozza dove spesso abbiamo avvistato elefanti e nyala. Pensione completa.

2° GIORNO MAJETE WILDLIFE RESERVE
22 APRILE 2016. 
 Introduzione al parco. Primo safari diurno al mattino, con possibilità di avvistare tra le specie presenti bufali, elefanti, nyala e leoni. Rientro al campo per pranzo. Nel pomeriggio safari notturno e rientro al campo per cena. Sorprendente posizione del lodge, nel cuore del parco. Spesso si osservano timide antilopi, babbuini o, se fortunati, elusivi leopardi. Pensione completa.

3° GIORNO MAJETE WILDLIFE RESERVE
23 APRILE 2016. 
La ricca diversità di habitat sarà subito evidente al nostro terzo safari e durante il drive pomeridiano. Le rive del fiume Shire sono un ambiente ideale per gli ippopotami e coccodrilli, mentre nei boschi di marula  gli elefanti trovano il loro habitat perfetto. Tra gli animali avvistabili all’interno della riserva vi sono leoni, leopardi, genette, civette, nightjar…e tutti i big five. Il progetto di conservazione African Parks è stato fondato e voluto da Nelson Mandela e opera in diversi stati africani. Pernottamento in lodge. Pensione completa.

4° GIORNO MAJETE WILDLIFE RESERVE- MULANJE FOREST RESERVE
24 APRILE 2016. 
Attraverseremo il fiume Shire e risaliremo a quota 800m dopo la città di Blantyre per raggiungere il massiccio di Mulanje e lo spettacolo delle piantagioni di tè. Le colline sono come distese senza fine e il colore verde brillante lascia spazio solo al rosso delle piste labirintiche che attraversano la piantagione. Pernottamento in antica casa coloniale, immersa nelle piantagioni. Pensione completa.

5° GIORNO MULANJE MOUNTAIN FOREST RESERVE
25 APRILE 2016. 
Camminando tra gli spazi immensi delle piantagioni. Potremo incontrare i lavoranti del tè, che con pazienza raccolgono le giovani foglie in cima alle piante, foglia dopo foglia, fino a riempire gli enormi cesti che portano sulle spalle. Le prime piantagioni di tè in Africa vennero introdotte alla fine dell’Ottocento proprio in questa zona del Malawi.Potremo entrare nella foresta magica di Mulanje e dedicare questa giornata ad un trekking in foresta per la cascata di Likhubula, immersa nel verde, tra camaleonti endemici e piante uniche come il famoso cedro di Mulanje, specie protetta. Leggende e racconti fanno parte della cultura malawiana che descrive la montagna di Mulanje, “l’isola nel cielo”: anche per questo il sito è stato proposto nella lista del Patrimonio dell’Umanità. Ci faremo quindi raccontare qualche leggenda da chi ha sempre vissuto sotto questo monte esteso per 650 km2, che con i suoi 3002 metri è la punta più alta dell’Africa meridionale. Per chi lo desidera, si potrà raggiungere il CCAP hut,  (5/6 ore) con un hiking che ci porta in cima all’isola nel cielo. Spettacolari scenari si apriranno dietro di noi e finalmente arriveremo nel pomeriggio al semplice rifugio di CCAP, uno dei più grandi, da cui potremo osservare il versante sud-est del picco di Chambe, che si trova a quota 2557 m. Pernottamento in rifugio o in antica casa coloniale, come la notte precedente. Pensione completa.

6° GIORNO MULANJE - LAKE MALAWI, MONKEY BAY AREA
26 APRILE 2016.  
Da Mulanje in viaggio verso Monkey bay, Mangochi e il lago Malawi, diretti verso una baia in cui troveremo un pomeriggio di relax tra aquile pescatrici e villaggi di pescatori che con le loro canoe sfidano le acque del terzo lago più grande dell’Africa, una delle riserve d’acqua più grandi al mondo; si calcola che i pesci endemici che ne popolano le acque, i ciclidi, siano intorno alle 1000 specie. Pernottamento in lodge sul lago. Mezza pensione

7° GIORNO LAKE MALAWI, MONKEY BAY AREA
27 APRILE 2016. 
I villaggi di pescatori sono molti e al mattino è facile incontrarli sulle loro canoe mentre tornano da una notte di pesca. Il lago Malawi in questa zona è a ridosso del Lake Malawi national park: un vero mare e fornisce sussistenza a tutti i villaggi stanziati sulle rive del lago. Da qui potremo organizzare una gita in barca all’isola di Boadzulu, parco nazionale del lake Malawi dove riusciremo a goderci appieno la meraviglia e la trasparenza del lago. Le donne seccano il pesce e preparano le bancarelle alla vendita. Trascorreremo la giornata sul lago Malawi, nei villaggi e da dedicare alle attività di conoscenza della gente. Pernottamento in lodge sul lago. Mezza pensione

8° GIORNO LAKE MALAWI - LIWONDE NATIONAL PARK
28 APRILE 2016. 
Al mattino sveglia all’alba e dopo colazione raggiungeremo le rive del fiume Shire dove entreremo nel Liwonde national park e organizzeremo il famoso safari in barca per meglio avvistare e fotografare la fauna del parco: numerosi gli elefanti e i coccodrilli! Le barche sono a motore e verremo accompagnati da una guida che manovrerà la barca e, oltre alla nostra presenza, ci sarà l’aggiunta di una guida naturalistica. Le possibilità di avvistamento sono uniche e spesso gli elefanti nuotano davanti a noi, per attraversare il fiume in cerca di cibo. Al pomeriggio secondo safari in barca per aumentare le possibilità di avvistamento. Pernottamento nel cuore del parco, in uno dei più bei lodge/campi del Malawi, affacciato sul fiume Shire. Pensione completa.

9° GIORNO LIWONDE NATIONAL PARK- MUA
29 APRILE 2016.
 Alcuni chilometri ci separano da Mua, la più antica e originaria missione operativa in Malawi. Nacque con l’appoggio della tribù Ngoni nel 1903, per volere di due Padri Bianchi francesi, ordine che nasce in Algeria. Padre Boucher, antropologo e missionario, diede vita ad un centro di cultura e arte Kungoni (“lett. Cascata, perché sorge nei pressi di una cascata) ed al Museo di Chamare, dal nome di Chapmartin, padre francese che diede vita alla scuola di carpenteria, apprezzata ancora oggi in tutto il mondo. A Mua si preserva il ricco patrimonio culturale del Malawi e sono raccolte circa 400 delle 10000 (sì, abbiamo scritto bene, diecimila!) maschere del Gule Wamkulu, cerimonia segreta della etnia di maggioranza malawiana: i Chewa. Da pochi anni il Gule Wamkulu è diventato Patrimonio dell’Umanità, protetto dall’UNESCO. Pernottamento in attrezzato bungalow presso la missione. Bed and breakfast.

10° GIORNO MUA - AEROPORTO CHILEKA AIRPORT, BLANTYRE
30 APRILE 2016. 
Rientro a Blantyre passando i fertili altopiani della Rift Valley; trasferimento in aeroporto per il volo internazionale di rientro.

* Gli attuali orari sono stime calcolate sui piani volo forniti dalle compagnie aeree in base all’anno 2015. In caso di cambiamenti questa tratta potrebbe essere variata.

 

Quota di partecipazione: 2790 euro

incluse VAT 16,5%, Tourism Levy 1% e tasse 30%

PARTECIPANTI: Minimo 6, massimo 14

SCONTI

Sono previsti i seguenti sconti:

  • Sconto di 40€ al giorno per chi utilizza la tenda SINGOLA anziché la camere in lodge in full board
  • Sconti famiglia: per ragazzi e bambini sotto i 12 anni
  • 100€ per viaggiatori che hanno già partecipato ad almeno un viaggio con AFRICA WILD TRUCK
  • sconti per gruppi

Gli sconti sono soggetti a variazioni e non sono tra loro cumulabili.

LA QUOTA INCLUDE

  • guide professioniste che vivono in Malawi
  • tutti i trasporti, da e per l’aeroporto, le tasse stradali
  • tutti i safari, tutti gli ingressi ai parchi  e le escursioni come da programma (al Majete wildlife reserve 4 safari, al Mount Mulanje Reserve e al Lake Malawi national park e al Liwonde national park 2 safari)
  • tutti i pernottamenti come da programma, sempre in lodge - non ci sono notti in tenda! (vedi pagina 3)
  • pasti in pensione completa
  • 50US$ che Africa Wild Truck dona interamente ad AROUND AWT (vedi pag.12)
  • VAT (16,5%),  TOURISM LEVY (1%) e tasse governative (30%)

LA QUOTA NON INCLUDE

  • I voli (contattateci in ogni caso anche per i voli; stiamo valutando le opzioni più vantaggiose in collaborazione con BORGO PO VIAGGI SAS - Via Bonafous 2-h, 10123 Torino, Tel.+39.011.8129845, Fax: +39.011.8398886, e-mail: info@borgopoviaggi.it)) [quota indicativa a partire da 750€]
  • Il visto di ingresso in Malawi, ottenibile all’arrivo (75US$);
  • Supplemento camera singola (40€ in più a notte)
  • la polizza assicurativa di viaggio Europassistance/Globy o similare (annullamento, bagaglio, medica vivamente consigliata -è possibile stipularla insieme all’agenzia segnalata qui sopra oppure on-line - scriveteci, vi aiuteremo a trovare la soluzione migliore come ad esempio http://www.filodiretto.it/site/partners/AfricaWildTruck/ )
  • Alcuni pochi pasti dove indicato mezza pensione e bed and breakfast - per permettere maggiore mobilità e indipendenza (prezzo indicativo 10€ a pasto)
  • Eventuali spese personali
  • Tutto ciò non espressamente indicato ne “La quota include”
Modalità di pagamento

Contattaci all’indirizzo info@africawildtruck.com per prenotare on line il tuo posto o per qualsiasi altra informazione.

Salute

Nessun obbligo di vaccino.

Consigliamo di effettuare questi vaccini:

  • tetano
  • febbre tifoide
  • epatite A e B

Per ciò che riguarda la malaria, malattia trasmessa dalla puntura della zanzara femmina del genere anofele, la sua prevenzione è data in primo luogo da una prevenzione di tipo meccanico ossia evitare di farsi pungere seguendo queste regole:

  • dormire sotto le zanzariere
  • usare insetticidi per eliminare eventuali zanzare
  • dopo il tramonto, quando le zanzare sono più attive, evitare di lasciare scoperte parti del corpo, indossando pantaloni e camicie a maniche lunghe di colori chiari perché i colori scuri attraggono le zanzare e spruzzare le parti del corpo scoperte con Autan Extreme

Per l’utilizzo di eventuali farmaci antimalarici suggeriamo di consultare l’ufficio di igiene pubblico; le norme sanitarie infatti variano molto velocemente.

Farmacia di viaggio
  • Analgesici/antipiretici: acido acetilsalicilico e nimesulide
  • Antibiotici: come ciproxin o amoxicillina o acido clavulanico
  • Antimalarici: da portare comunque 2 confezioni di Lariam in caso di emergenza
  • Antidiarroici: loperamide o caolino in caso di sintomi (da utilizzare solo se veramente necessario!)
  • Antibiotico intestinale (tipo Normix)
  • Sali reidratanti: in caso di perdite di liquidi
  • Contro il mal di auto/aereo: una confezione di compresse o gomme da masticare
  • Antistaminici: in caso di reazioni allergiche
  • Forbici, pinzette e termometro
  • Creme solari
  • Insettifughi ( tipo autan estreme
Bagagli

Per ragioni di spazio e convivenza ogni persona dovrà avere un solo zaino grande di max 15 kg con dimensioni massime di 30x40x50 cm (60 litri) oltre al classico zainetto a mano con attrezzatura fotografica.

Vi raccomandiamo di rispettare le dimensioni.

Sono da evitare zaini da montagna con spallacci e imbraghi inutili e ingombranti. Suggeriamo borse morbide (tipo Duffel North face - misura media) o piccoli, ma davvero piccoli trolley (vedi foto)

BIANCHERIA

Sarà possibile lavare la biancheria dove ci fermeremo per almeno 2 notti.

bagagli

Documenti

Necessario il passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di partenza e con almeno due pagine libere; per l’ingresso in Malawi il visto è ottenibile anche in aeroporto per chi ha passaporto italiano ad un costo di 75 USD.  Attenzione: in Malawi e Zambia, così come in molti altri Paesi dell’Africa, vengono accettate SOLO banconote emesse dopo l’anno 2001. Scriveteci per maggiori informazioni!

Abbigliamento
  • scarpe comode (si consigliano scarpe da trekking)
  • sandali (meglio se tecnici)
  • ciabatte facili da asciugare per doccia
  • giacca a vento smanicata
  • k-way
  • felpa/pile
  • pantaloni lunghi cotone/lino (colori neutri*)
  • camicie a maniche lunghe cotone/lino (colori neutri*)
  • magliette cotone (colori neutri*)
  • costume da bagno
  • biancheria intima
  • marsupio piatto sottomaglia per passaporto
  • occhiali da sole
  • cappello (colori neutri*)

* Per colori neutri si intendono: verde militare, sabbia, kaki, beige. I colori neutri sono indicati per i safari.

Altro
  • asciugamano
  • binocolo
  • torcia da testa
  • coltellino/borraccia
  • macchina fotografica/videocamera/batterie di ricambio!!!
  • fotocopia passaporto e 2 fototessere
Richiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono

Spedizione

Il tuo messaggio

Vuoi ricevere via e-mail informazioni ed aggiornamenti da Africa Wild Truck?
Si