Presentazione

Uno degli aspetti che caratterizzano questo viaggio è la varietà di paesaggi ed ecosistemi; dall’ambiente marino della costa, alla savana del Ruaha national park, alla foresta tropicale dei Monti Udzungwa national park, e, ancora, il Nyika national park, una perla incastonata tra i 2000 e i 2600 metri di altitudine, con uno degli scenari più spettacolari e inconsueti dell’Africa centrale ed ancora il Vwaza marsh game reserve, un’area di paludi e pianure ed infine il meraviglioso Lago Malawi, uno dei più grandi laghi della Rift Valley. L’incontro con le popolazioni locali, specialmente in Malawi, rimarrà nel cuore per la loro grande semplicità nella gioia di vivere: luoghi ancora incontaminati e poco turistici immersi in una natura selvaggia, tra animali, villaggi, mercati, un viaggio che attraversa due nazioni così diverse e così indimenticabili.

Ciò che vedremo

Savane, laghi, foreste. I parchi nazionali più inaccessibili e incontaminati: il Ruaha national park dalle sorprendenti quantità e varietà di animali, i Monti Udzungwa, lussureggiante foresta tropicale in cui sopravvivono specie altrove estinte, il Nyika national park, perla di rara bellezza, con scenari unici in Africa, il Vwaza marsh game reserve, ricordata per i suoi bufali, elefanti ed ippopotami.Le spiagge del lago Malawi, terzo lago più grande dell’Africa, dalle acque limpide come quelle di un mare che ospita circa 550 specie di pesci. Le grandi città africane, atmosfere e architetture coloniali, gli innumerevoli villaggi, i mercati, il folclore, la gente con la sua allegria e ospitalità, le spiagge e i colori dalle mille sfumature dell’Oceano Indiano.

IL VIAGGIO
Nel Ruaha national park, secondo più grande parco nazionale della Tanzania, vivono 10,000 elefanti, la più grande popolazione di qualsiasi altro parco in Africa Orientale. La vita del Ruaha pulsa grazie al fiume Great Ruaha che scorre lungo il confine orientale del parco. Impala, waterbuck, e altre antilopi sono le prede più comuni di leoni, ghepardi, leopardi. Tra i predatori menzioniamo la iena maculata e una buona popolazione del raro wild dog, il licaone. 450 specie di uccelli vivono nella regione, tra cui il crested barbet e il yellow-collared lovebird oltre al ashy starling. Il parco è secco nella stagione che va da metà maggio a dicembre, umido nella stagione da gennaio ad aprile. Entrambe le stagioni meritano una visita. Udzungwa Mountains national park è la più grande (e con maggiore biodiversità) di una dozzina di foreste conosciute come Eastern Arc Mountains, piccole e frammentate montagne ciascuna delle quali racchiude al suo interno una foresta pluviale tropicale che cresce attorno ad aree molto aride.
Queste montagne sono definite le Galapagos dell’Africa, nel senso che, come nelle Galapagos, anche qui si trovano piante ed animali unici; è uno dei 34 World Biodiversity Hotspot e uno tra i 200 WWF Ecoregion of global critical importance. Sei specie di primati sono registrate, tra cui l’Iringa red colobus e la Sanje Crested Mangabey che in tutto il mondo si trovano unicamente qui. Nel parco vivono anche elefanti, bufali, leoni, leopardi, duikers, bushbucks, civette, ippopotami, procavie… Il Nyika national park, una perla incastonata tra i 2000 e i 2600 metri di altitudine, con uno degli scenari più spettacolari e inconsueti dell’Africa centrale; tra colline e dolci pendii che si perdono a vista d’occhio qualche bosco sempreverde è ciò che resta dell’immensa foresta pluviale che un tempo copriva l’Africa centrale. Gli incontri con zebre, eland, antilopi roane, cervicapre, saltarupi, sciacalli e iene sono comuni; più difficile da avvistare, data la loro natura schiva, la ricca popolazione di leopardi. Il Vwaza marsh game reserve è un meraviglioso miscuglio di vegetazione che va dalla foresta alla savana, dalle pianure alle paludi. Questo ricco habitat attrae oltre 300 specie di uccelli, incluse cicogne aironi e anatre. Vengono spesso avvistate famiglie di 30 elefanti, così come numerosissimi ippopotami.
Trascorreremo un paio di giorni sulle rive del terzo lago più grande dell’Africa, una delle riserve d’acqua più grandi al mondo; si calcola che i pesci endemici che ne popolano le acque, i ciclidi, siano intorno alle 1000 specie. Il Malawi è davvero un Paese accogliente e caloroso: la sua gente ha un cuore caldo ed ospitale che in nessun altro Paese dell’Africa abbiamo mai sentito. Lontano dal turismo, lontano dai circuiti più (e a volte anche da quelli meno!) battuti, nonostante le bellezze struggenti dei suoi paesaggi, il suo popolo ospitale ed incredibilmente amichevole, i chilometri di spiagge incontaminate di sabbia dorata, il Malawi resta un Paese non ancora scoperto dal turismo e questo lo rende ancora più affascinante.
Non mancheranno le fermate nei villaggi, nei mercati, dove ci riforniremo spesso per comprare dell’ottima frutta!
Il fascino della cultura swahili e le palme da cocco faranno da cornice sulle rive dell’Oceano Indiano agli incontri con la gente.
Chi lo vorrà, potrà estendere il viaggio a Zanzibar o sulla costa dell’Oceano Indiano o sulle bellissime spiagge del Lago Malawi.

Il mezzo di trasporto

Tutte le distanze saranno coperte con un mezzo 4×4 da 14 comodi posti, attrezzato con tende igloo (da utilizzare singolarmente o a coppie) dotate di zanzariere. A disposizione inoltre: materassini, frigorifero, viveri, cucina da campo, corrente 12/220 V. per ricaricare le batterie, ricetrasmittenti VHF, gps, notebook per scaricare fotografie digitali e filmati, telefono satellitare (al costo di 5 euro/min), kit pronto soccorso.
Lo staff è composto da tre persone: Stefano, Francesca e Shukuru.

Sistemazioni

A Dar es Salaam una notte in piacevole chalet sulla spiaggia, due notti in camere d’albergo situato tra il Mikumi national park e i monti Udzungwa.  Le successive notti sono in tenda: il campeggio di Iringa è attrezzato con docce e servizi, mentre il campeggio al Ruaha non ha che una elementare turca; è stato scelto per la sua posizione assolutamente unica a stretto contatto con la natura del parco che ci darà emozioni indimenticabili.
A Sangilo una notte in emozionanti chalet affacciati sul Lago Malawi. Al Nyika national park un camping indimenticabile per la sue posizione affacciata sul Nyika plateau. Di notte le zebre visitano il campo, così come molte specie di antilope.
A Kande, sul lago Malawi, camping sulla spiaggia. A Lilongwe 1 notte in piacevolissimi chalet immersi nel verde.
Le sistemazioni in lodge/chalet/albergo, sono intese, dove non altrimenti richiesto, in camere doppie o, in rari casi, triple; potrebbero essere sostituite per problemi tecnici-organizzativi senza però stravolgere il progetto iniziale.
Le strutture sono state scelte con cura seguendo un’idea di conservazione del territorio e sostenibilità del viaggio, preferendo posizioni a stretto contatto con la natura.

Il periodo

Le temperature dipenderanno largamente dalle altitudini e dalle latitudini. Avremo massime temperature in riva all’oceano Indiano, dove il termometro arriverà oltre i 30°C e minime nella regione del Nyika national park, dove le temperature scenderanno durante la notte attorno ai 10°C.
SETTEMBRE 2009

L M M G V S D
12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27

 

Da sapere

GUIDA AI SAFARI

GUIDA AI SAFARI
I numerosi game drive, definizione inglese che descrive l’escursione in 4×4 finalizzata all’avvistamento degli animali, si svolgeranno di giorno all’interno dei parchi con il truck. Non è richiesta alcuna preparazione se non la voglia di alzarsi all’alba e la pazienza necessaria alla ricerca degli animali. Da notare che i safari verranno svolti durante le ore più fresche della giornata (alba e tramonto), quando gli animali, cioè, sono più facili da avvistare. Essendo autonomi, comunque, potremo decidere di fermarci su una scena il più a lungo possibile, seguendo sempre le regole del parco.
Fotografia durante i safari: sarà sempre permesso portare con sé la propria attrezzatura fotografica. Le guide innanzi tutto cercheranno in primo luogo di posizionare il veicolo nelle condizioni migliori, laddove la sicurezza lo permetta. All’interno del parco le jeep NON comunicano via radio tra loro, questo per evitare di accalcarsi su un animale e salvaguardarne quindi la tranquillità.
Occorre quindi essere nel posto giusto al momento giusto per vedere ciò che si desidera; noi preferiamo che un santuario della natura come il Ruaha conservi questo spirito d’avventura che tanto lo contraddistingue.

Da sapere: nei parchi o all’interno dei campeggi,verrà fatto firmare uno scarico di responsabilità obbligatorio per accedervi data la particolarità dei luoghi. Per sfruttare al meglio la giornata i pranzi saranno rapidi e ‘al sacco’, mentre le cene sempre curate. La spedizione potrà essere modificata sul posto ed in qualsiasi momento per ragioni tecniche, organizzative o di sicurezza senza comunque stravolgere il progetto iniziale.

Guarda le immagini dell’ultima spedizione in Tanzania e Malawi!

Nessuna recensione

Hai già partecipato alla spedizione? Dicci cosa ne pensi

Giorno 1

DAR ES SALAAM, TANZANIA.
Arrivo a Dar es Salaam, incontro con lo staff di Africa Wild Truck. Trasferimento dall’aeroporto al camping su una piacevole baia, una trentina di km fuori Dar es Salaam. Pernottamento in lodge.


Giorno 2

DAR ES SALAAM -MIKUMI 337 km.
Passaggio all’interno del Mikumi national park, situato a 286 Km a ovest di Dar, percorrendo i 50 Km della strada statale A7 Tanzam in cui saranno facili gli avvistamenti di diverse specie di animali, come elefanti, bufali o giraffe. Pernottamento in piccolo e piacevole hotel.


Giorno 3

MIKUMI - UDZUNGWA NATIONAL PARK 70 km.
Ingresso nel parco dei Monti Udzungwa national park che racchiudono un’elevata bio-diversità; recentemente sono stati scoperti il Sanje Mangabay e l’Iringa red Colobus, due specie che sono state ritrovate soltanto in questa regione. Un breve trekking sui monti ci farà ammirare le bellezze straordinarie di flora e fauna in via di estinzione.
Pernottamento come la notte precedente.


Giorno 4

MIKUMI - IRINGA 176 km.
Attraversamento di una regione caratterizzata da splendidi baobab e dallo scorrere del fiume Little Ruaha, sulle sponde del quale pernotteremo in un attrezzato e piacevole campeggio; possibilità di avvistare oltre 300 specie di uccelli, inclusi la civetta pescatrice di Pel e il Finfoot africano. Pernottamento in campeggio.


Giorno 5

IRINGA - RUAHA NATIONAL PARK 150 km.
Arrivo all’interno del parco Ruaha, una delle aree protette più grandi (13.000 Km²) e remote della Tanzania, giustamente definito il segreto meglio preservato del Continente Nero, la cui linfa vitale è il fiume Great Ruaha. Il Ruaha è l’unico parco dell’Africa Orientale che vanta, oltre a una presenza massiccia di elefanti (10,000 esemplari), la presenza di Greater e il Lesser Kudu insieme, le bellissime antilopi sable e roane ed ha una grandissima varietà di uccelli, racchiusi in un ecosistema davvero incontaminato. Pernottamento in campeggio pubblico sulle sponde del fiume.


Giorno 6

RUAHA NATIONAL PARK.
Giornata dedicata al safari all’interno del parco, all’avvistamento degli animali e di una ricca diversità di flora, 1650 specie di piante e una moltitudine di animali: elefanti, antilopi, zebre, gazzelle, giraffe, dik dik, bufali, leoni, leopardi, ghepardi, sciacalli, coccodrilli e licaoni. Relax in una natura incontaminata. Pernottamento in tenda come la notte precedente.


Giorno 7

RUAHA NATIONAL PARK - IRINGA 150 km.
Safari e uscita dal parco, oltrepassando una vasta area cuscinetto in cui sono possibili, ancora una volta, gli incontri con animali. Pernottamento in tenda fuori città, in piacevole camping sulle rive del Little Ruaha.


Giorno 8

IRINGA- MBEYA 278 km.
Viaggio tra i fertili altopiani della Tanzania; un panorama davvero insolito per una vasta zona di importanti raccolti. Sistemazione in albergo locale.


Giorno 9

MBEYA-CHITIMBA 230 km
Formalità doganali e arrivo in Malawi. Le spiagge del terzo lago più grande dell’ Africa: sabbia fine e atmosfera marina. Relax. Sistemazione in piacevoli chalet sul lago.


Giorno 10

CHITIMBA - NYIKA NATIONAL PARK 250 km.
Un viaggio che attraversa panorami selvaggi e poco turistici. Arrivo al Nyika national park, perla incastonata tra i 2000 e i 2600 metri di altitudine, con uno degli scenari più spettacolari e inconsueti dell’Africa centrale. Pernottamento in tenda in posizione spettacolare; la zona del campeggio è malaria free.


Giorno 11

NYIKA NATIONAL PARK.
Giornata dedicata al safari nel Nyika national park, più grande e più antico parco nazionale del Malawi in cui di recente sono state scoperte pitture rupestri risalenti a 3000 anni fa. Con la sua vegetazione unica che cresce a 2000 metri sul livello del mare attrae centinaia di specie relativamente semplici da avvistare nelle grandi porzioni di parco libere da foresta: tra queste abbiamo antilopi roane, eland, zebre, sciacalli, iene e leopardi. Pernottamento in tenda in posizione spettacolare; la zona del campeggio è malaria free.


Giorno 12

NYIKA NATIONAL PARK - VWAZA MARSH GAME RESERVE 200 km.
Il Vwasa marsh game reserve è un parco poco turistico che ha molto da offrire. Questo ricco habitat attrae oltre 300 specie di uccelli, incluse cicogne aironi e anatre. Vengono spesso avvistate famiglie di 30 elefanti, così come numerosissimi ippopotami.


Giorno 13

VWAZA MARSH - KANDE BEACH 300 km.
Un viaggio che attraversa panorami selvaggi e poco turistici; splendida baia tra i villaggi di pescatori. Pernottamento in tenda sulle rive del Lago.


Giorno 14

KANDE
Le fish eagle (aquile pescatrici) non sono difficili da avvistare, così come i numerosi pescatori che con le loro canoe sfidano le acque del Lago.


Giorno 15

KANDE - LILONGWE 350 km.
Rientro a Lilongwe passando per le meravigliose Chia Lagoon.Pernottamento in lodge.


Giorno 16

LILONGWE-AEROPORTO INTERNAZIONALE 40 km.
Trasferimento in aeroporto internazionale di Lilongwe per il volo di rientro.


Salute

Obbligo di vaccino contro la febbre gialla; indispensabile portare con sé il libretto giallo che certifica il vaccino.
Consigliamo di effettuare questi vaccini:

  • tetano
  • febbre tifoide
  • epatite A e B

Per ciò che riguarda la malaria, malattia trasmessa dalla puntura della zanzara femmina del genere anofele, la sua prevenzione è data in primo luogo da una prevenzione di tipo meccanico ossia evitare di farsi pungere seguendo queste regole:

  • dormire sotto le zanzariere
  • usare insetticidi per eliminare eventuali zanzare
  • dopo il tramonto, quando le zanzare sono più attive, evitare di lasciare scoperte parti del corpo, indossando pantaloni e camicie a maniche lunghe di colori chiari perché i colori scuri attraggono le zanzare e spruzzare le parti del corpo scoperte con Autan Extreme. Per l’utilizzo di eventuali farmaci antimalarici suggeriamo di consultare l’ufficio di igiene pubblico; le norme sanitarie infatti variano molto velocemente.
Farmacia di viaggio

Consigliamo di portare una piccola scorta di questi medicinali:

  • Analgesici/antipiretici: acido acetilsalicilico e nimesulide
  • Antibiotici: come ciproxin o amoxicillina o acido clavulanico
  • Antimalarici: da portare comunque 2 confezioni di Lariam in caso di emergenza
  • Antidiarroici: loperamide o caolino in caso di sintomi (da utilizzare solo se veramente necessario!)
  • Sali reidratanti: in caso di perdite di liquidi
  • Contro il mal di auto/aereo: una confezione di compresse o gomme da masticare
  • Antistaminici: in caso di reazioni allergiche
  • Forbici, pinzette e termometro
  • Creme solari
Bagagli

Per ragioni di spazio e convivenza ogni persona dovrà avere un solo zaino/borsone grande di max 15 kg con dimensioni massime di 30x40x60 cm oltre al classico zainetto a mano con attrezzatura fotografica.
Ci raccomandiamo di rispettare le dimensioni.
Sono da evitare zaini da montagna con spallacci e imbraghi inutili e ingombranti.

Biancheria: sarà sempre possibile lavare la biancheria dove ci fermeremo per almeno 2 notti.

Documenti

Necessario il passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di partenza e con almeno due pagine libere; per l’ingresso in Tanzania il visto ottenibile in aeroporto al costo di 50US$.

Abbigliamento
  • scarpe comode (si consigliano scarpe da trekking)
  • sandali (meglio se tecnici)
  • ciabatte facili da asciugare per doccia
  • giacca a vento smanicata
  • k-way
  • felpa/pile
  • pantaloni lunghi cotone/lino (colori chiari)
  • camicie a maniche lunghe cotone/lino (colori chiari)
  • magliette cotone
  • costume da bagno
  • biancheria intima
  • marsupio piatto sottomaglia per passaporto
  • occhiali da sole
  • cappello
Altro
  • sacco a pelo in piuma ( consigliato un sacco a pelo che resista fino a 5°C)
  • asciugamani
  • binocolo
  • torcia da testa
  • coltellino/borraccia
  • macchina fotografica/videocamera/batterie di ricambio!!!
  • fotocopia passaporto e 2 fototessere
  • zanzariera da viaggio
Richiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono

Spedizione

Il tuo messaggio

Vuoi ricevere via e-mail informazioni ed aggiornamenti da Africa Wild Truck?
Si