Presentazione

Il Kafue National Park è il parco più grande dell’Africa: non servono  presentazioni! Entreremo nel cuore del parco con le jeep nelle ore diurne e nelle ore notturne. Con i suoi 22000 km2 di puro selvaggio viene certamente ricordato per la sua immensità e la sua natura mozzafiato. Ci immergeremo quindi in questo vero paradiso alla ricerca di leoni, leopardi o altri felidi. Ippopotami, coccodrilli e antilopi d’acqua, sono abbondanti lungo il fiume Kafue. La stagione in novembre è appena all’inizio della stagione delle piogge: molti cuccioli nascono in questo periodo, motivo in più per organizzare in questa stagione.
Il Kafue national park è uno dei parchi africani con la più alta concentrazione di leopardi. I leoni sono numerosi, così come le iene; tra gli altri carnivori sono presenti il licaone, animale che è relativamente difficile da avvistare e i ghepardi. Le possibilità di avvistare il leopardo durante il safari notturno è molto alta. Inoltre qui è possibile partecipare ai safari in barca dove le possibilità di avvistare gli animali ad abbeverarsi aumentano e dove è più semplice avvistare ippopotami, coccodrilli e tutti gli uccelli predatori che vivono lungo il fiume come la rara civetta pescatrice di Pel o la più comune aquila urlatrice. Sicuramente per i fotografi questo è un parco che offre tantissime possibilità.
IL VIAGGIO

Un workshop di fotografia con un fotografo Marcello Libra, collaboratore di Oasis e di numerose altre riviste e case editrici, dedicato al Kafue National Park, parco che non ha bisogno di presentazioni: nato negli anni ’50 grazie a Norman Carr, il Kafue resta ancora un’immensa aera inesplorata.
E’ uno dei parchi più imponenti del Continente, dove le paludi stagionali, chiamate dambo, sono il rifugio, nella stagione secca per antilopi e primati che vivono spesso insieme. Antilopi d’acqua, lichi rossi, antilopi nere e fulve, puku e oribi sono specie comuni. Bufali, zebre, gnu e anche il raro licaone sono presenti nel parco. I leopardi sono numerosi nel Kafue e  durante i safari notturni potremo avere più possibilità di avvistamento di felidi e altri predatori notturni in azione. Leoni, iene  abbondano ed in questo periodo di inizio stagione verde è più facile vedere i cuccioli appena nati.
Infine nel Kafue non mancano gli uccelli: se ne contano circa 470 specie che includono il barbuto di Chaplin, una specie endemica dello Zambia.
La vegetazione è in prevalenza costituita da alberi di mopane; i sausage tree si trovano su un territorio di oltre 22000 km2. Elefanti, ippopotami e coccodrilli saranno facili da avvistare dalla splendida posizione del campeggio, affacciato sulle rive del fiume Kafue.  Le occasioni sono davvero moltissime e fermandoci all’interno del parco per 7 notti avremo la possibilità di assistere a diverse scene e situazioni fotograficamente significative. Nel parco sono presenti oltre 100 specie differenti di mammiferi.
Nel Kafue sono presenti rare antilopi che potremo avvistare nei safari diurni: il Red Lechwe, la Liechtenstein’s Hartebeest, antilopi roane e antilopi sable, Blue Wildebeest, Sitatunga, Defassa, Reedbuck, imponenti eland e duiker.
Ci aspettano poi i safari in barca, alla ricerca di ippopotami, coccodrilli, elefanti e centinaia di specie di uccelli visti dalla prospettiva del fiume per fotografarli nel loro ambiente naturale lungo le rive del fiume e nell’acqua. Da questa posizione le foto agli uccelli sono sicuramente il meglio, così come quelle agli ippopotami; vedere nuotare un’elefante è davvero un’evento fortunato, ma quando l’abbiamo avvistato è stata una grande emozione.

Il mezzo di trasporto

Tutte le distanze (trasferimenti) saranno coperte con il truck, un mezzo 4×4 da 13 comodi posti, attrezzato con tende igloo (da utilizzare singolarmente o a coppie) dotate di zanzariere. A disposizione inoltre: materassini, frigorifero, viveri, cucina da campo, corrente 12/220 V. per ricaricare le batterie, ricetrasmittenti VHF, gps, notebook per scaricare fotografie digitali e filmati, telefono satellitare (al costo di 5 euro/min), kit pronto soccorso. I safari verranno svolti su jeep aperte attrezzate per il safari.
Lo staff è composto da tre persone: Stefano Pesarelli, Francesca Guazzo e Shukuru Mwasaga. CHI SIAMO

Sistemazioni

2 notti in piacevoli chalet pochi chilometri fuori Lusaka, le restanti notti in ampio campeggio attrezzato con docce e servizi igienici sulle rive del fiume Luangwa; è stato scelto per la sua posizione assolutamente unica a stretto contatto con la natura del parco che ci darà emozioni indimenticabili: spesso attraversano il campo gli elefanti, gli ippopotami brucano l’erba durante le ore notturne e le genette arrivano vicine.
Le sistemazioni in lodge/chalet/albergo, sono intese, dove non altrimenti richiesto, in camere doppie o, in rari casi, triple; potrebbero essere sostituite per problemi tecnici-organizzativi senza però stravolgere il progetto iniziale.
Le strutture sono state scelte con cura seguendo un’idea di conservazione del territorio e sostenibilità del viaggio, preferendo posizioni a stretto contatto con la natura. Per l’elenco dei lodge/campeggi scriveteci!

Il periodo

Le temperature dipendono largamente dalla stagione, dalle altitudini e dalle latitudini. Qui a fianco una tabella indicativa delle temperature medie nelle varie stagioni. Il mese più caldo è novembre, il mese più fresco è giugno/ luglio. La stagione secca, va da Aprile/Maggio a Novembre. La stagione umida va da Dicembre a Marzo/Aprile, in questo periodo si possono vedere i parchi nel loro splendore verde; alcuni cuccioli di mammiferi nascono in questo periodo così come molti uccelli attraversano la stagione degli amori, cambiando il piumaggio e corteggiando le femmine. Noi consigliamo entrambe le stagioni, entrambe infatti hanno un fascino particolare.

Contattaci

per avere informazioni maggiori sulla stagione in corso, non tutti gli anni sono uguali!

 

Da sapere

GUIDA AI SAFARI

A CHI E’ RIVOLTO UN WORKSHOP DI FOTOGRAFIA NATURALISTICA?
I nostri workshop sono rivolti in generale agli appassionati fotografia, professionisti e non, e, chiaramente, agli amanti della natura africana e dei viaggi. Se siete stanchi di fotografie ‘piatte’, della solita foto del leone che dorme, se pensate di voler fare un salto di qualità, di voler fotografare una situazione particolare allora questo è il viaggio che fa per voi. Viaggeremo a stretto contatto con la natura dei parchi africani sfruttando le nostre conoscenze per catturare delle immagini vive e significative; andremo a cercare situazioni particolari, fermeremo il momento, l’attimo in cui il comportamento dell’animale  è significativo. Durante un workshop di fotografia naturalistica si cercherà lo scatto migliore dall’alba al tramonto; le notti stellate faranno da cornice agli spettacoli della natura che vivremo con stupore.

IL FOTOGRAFO
Marcello Libra è un fotografo free lance. Ha collaborato per sette anni per la White Star Edizioni come Photo Editor e inviato speciale. La sua specializzazione è la fotografia naturalistica e ha realizzato servizi in Europa, Africa, Asia, America ed Antartico. Specializzato in fotografia naturalistica ama il comportamento animale nelle sue molteplici forme, ma non trascura la fotografia paesaggistica. Particolarmente attratto dagli ampi spazi selvaggi, nelle sue foto ricerca le suggestive atmosfere create dalla luce e l’armonia nella composizione. E’ collaboratore fisso della rivista Oasis. Le foto di Marcello Libra, sono state pubblicate su numerose riviste nazionali ed estere – Oasis, Asferico, Piemonte Parchi, Natur Foto (Germania), Animan (svizzera), Le Figaro (Francia), Naturae magazine – ed utilizzate per copertine e calendari. Ha pubblicato nove libri e con le sue foto ha contribuito alla realizzazione di molti altri con le case editrici White Star, National Geographic, Pubblinova Edizioni Negri e Input Edizioni.  Il suo archivio comprende foto scattate in Africa, Canada, USA, Asia, Europa ed Antartide. Con le sue immagini racconta una storia cogliendo il carattere e lo spirito di un luogo o di un animale selvaggio, per trasmettere il suo amore appassionato per una natura sempre più vulnerabile. Attraverso i suoi scatti, vuole condividere le sue esperienze e le sue emozioni cercando di rapire per un attimo la fantasia di chi guarda le sue fotografie. I suoi lavori hanno ricevuto riconoscimenti nei più importanti concorsi internazionali e sono stati esposti in Europa, Stati Uniti e Australia. Le sue foto sono vendute come stampe fine art e pubblicate dalle più importanti riviste e case editrici fra cui: National Geographic, Naturfoto, Nature’s Best, Le Figaro, Animan, Oasis, Natura.

GUIDA AI SAFARI

I game drive, definizione inglese che descrive l’escursione in 4×4 finalizzata all’avvistamento degli animali, si svolgeranno sia di giorno che di notte nel Kafue national park nel cosiddetto “night drive” all’interno del parco con un mezzo 4×4 aperto e autorizzato all’esplorazione diurna e notturna. Non è richiesta alcuna preparazione se non la voglia di alzarsi all’alba e la pazienza necessaria alla ricerca degli animali.

Il safari in barca sul fiume Kafue nel Kafue national park è un’eccitante esperienza nel cuore dell’Africa. Una guida professionista ci accompagnerà per la durata del safari per vivere al meglio lo stretto contatto con la natura. L’esperienza è molto interessante soprattutto per il punto di vista ravvicinato di cui si può godere in barca; osservare gli animali durante le loro azioni quotidiane sulle rive del fiume è davvero un privilegio per gli appassionati di fotografia!

Fotografia durante i safari: sarà sempre permesso portare con sé la propria attrezzatura fotografica. Le guide innanzi tutto cercheranno in primo luogo di posizionare il veicolo nelle condizioni migliori, laddove la sicurezza lo permetta. All’interno del parco le jeep NON comunicano via radio tra loro, questo per evitare di accalcarsi su un animale e salvaguardarne quindi la tranquillità.
Occorre quindi essere nel posto giusto al momento giusto per vedere ciò che si desidera; noi preferiamo che un santuario della natura come il Kafue conservi questo spirito d’avventura che tanto lo contraddistingue.

Da sapere: nei parchi o all’interno dei campeggi,verrà fatto firmare uno scarico di responsabilità obbligatorio per accedervi data la particolarità dei luoghi.
La spedizione potrà essere modificata sul posto ed in qualsiasi momento per ragioni tecniche, organizzative o di sicurezza senza stravolgere il progetto iniziale.

Nessuna recensione

Hai già partecipato alla spedizione? Dicci cosa ne pensi

Quota di partecipazione

2050 euro

La quota include
  • Guide di origini italiane (Stefano Pesarelli e/o Francesca Guazzo) CHI SIAMO
  • L’assistenza del fotografo Marcello Libra
  • tutti i trasporti, da e per l’aeroporto, le tasse stradali
  • tutti i safari in fuoristrada e in barca (per un totale di 12 safari), le escursioni come da programma
  • ingressi al parco nazionale Kafue
  • la polizza assicurativa di viaggio Europassistance o similare (bagaglio e medica)
  • tutti i pernottamenti come da programma
  • tutti i pasti e le bevande durante i pasti (esclusi vino o superalcolici)
  • 50US$ che Africa Wild Truck dona interamente alla PAW (vedi pag.11)

 

La quota non include
  • I voli (contattateci in ogni caso anche per i voli; stiamo valutando le opzioni più vantaggiose in collaborazione con BORGO PO VIAGGI di Vittorio Veneto Viaggi s.r.l. - Via Bonafous 2-h, 10123 Torino, Tel.+39.011.8129845, Fax: +39.011.8398886, e-mail: borgopoviaggi@tin.it) [quota indicativa a partire da 800€]
  • il visto di ingresso in Zambia (50 US$ al momento della stesura di questo programma)
  • Le bevande fuori dai pasti, i vini e i superalcolici
  • Eventuali spese personali
  • Tutto ciò non espressamente indicato ne ‘La quota include’
Modalità di pagamento

Contattaci all’indirizzo info@africawildtruck.com per prenotare on line il tuo posto sul truck o per qualsiasi altra informazione.

Salute

Obbligo di vaccino contro la febbre gialla; indispensabile portare con sé il libretto giallo che certifica il vaccino.
Consigliamo di effettuare questi vaccini:

  • tetano
  • febbre tifoide
  • epatite A e B

Per ciò che riguarda la malaria, malattia trasmessa dalla puntura della zanzara femmina del genere anofele, la sua prevenzione è data in primo luogo da una prevenzione di tipo meccanico ossia evitare di farsi pungere seguendo queste regole:

  • dormire sotto le zanzariere
  • usare insetticidi per eliminare eventuali zanzare
  • dopo il tramonto, quando le zanzare sono più attive, evitare di lasciare scoperte parti del corpo, indossando pantaloni e camicie a maniche lunghe di colori chiari perché i colori scuri attraggono le zanzare e spruzzare le parti del corpo scoperte con Autan Extreme

Per l’utilizzo di eventuali farmaci antimalarici suggeriamo di consultare l’ufficio di igiene pubblico; le norme sanitarie infatti variano molto velocemente.

Farmacia di viaggio

Consigliamo di portare una piccola scorta di questi medicinali:

  • Analgesici/antipiretici: acido acetilsalicilico e nimesulide
  • Antibiotici: come ciproxin o amoxicillina o acido clavulanico
  • Antibiotico intestinale (tipo Normix)
  • Antimalarici: da portare comunque 2 confezioni di Lariam in caso di emergenza
  • Antidiarroici: loperamide o caolino in caso di sintomi (da utilizzare solo se veramente necessario!)
  • Sali reidratanti: in caso di perdite di liquidi
  • Contro il mal di auto/aereo: una confezione di compresse o gomme da masticare
  • Antistaminici: in caso di reazioni allergiche
  • Forbici, pinzette e termometro
  • Creme solari
  • Insettifughi ( tipo autan estreme)
Bagagli

Per ragioni di spazio e convivenza ogni persona dovrà avere un solo zaino grande di max 15 kg con dimensioni massime di 30x40x60 cm (60 litri) oltre al classico zainetto a mano con attrezzatura fotografica. Vi raccomandiamo di rispettare le dimensioni.
Sono da evitare zaini da montagna con spallacci e imbraghi inutili e ingombranti. Suggeriamo borse morbide o piccoli trolley(vedi foto)

BIANCHERIA
Sarà possibile lavare la biancheria dove ci fermeremo per almeno 2 notti.

Documenti

Necessario il passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di partenza e con almeno due pagine libere; per l’ingresso in Zambia il visto turistico è ottenibile in aeroporto al costo di 50 US$; ricordiamo che in Zambia, come in molti altri Paesi dell’Africa, valgono SOLO banconote emesse DOPO il 2004.

Abbigliamento
  • scarpe comode (si consigliano scarpe da trekking)
  • sandali (meglio se tecnici)
  • ciabatte facili da asciugare per doccia
  • giacca a vento smanicata
  • k-way
  • felpa/pile
  • pantaloni lunghi cotone/lino (colori neutri*)
  • camicie a maniche lunghe cotone/lino (colori neutri*)
  • magliette cotone (colori neutri*)
  • costume da bagno
  • biancheria intima
  • marsupio piatto sottomaglia per passaporto
  • occhiali da sole
  • cappello (colori neutri*)

* Per colori neutri si intendono: verde militare, sabbia, kaki, beige.

Altro
  • sacco a pelo in piuma (consigliato un sacco a pelo che resista fino a 5°C)
  • asciugamani
  • binocolo
  • torcia da testa
  • coltellino/borraccia
  • macchina fotografica/videocamera/batterie di ricambio!!!
  • fotocopia passaporto e 2 fototessere
Richiedi informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono

Spedizione

Il tuo messaggio

Vuoi ricevere via e-mail informazioni ed aggiornamenti da Africa Wild Truck?
Si